FIRMA CONTRO L’USO DEL GLIFOSATO

I tempi sono stretti: entro il 15 Giugno 2017 !!

Sono ormai 6 i Paesi ad aver superato il quorum (Germania, Austria, Belgio, Francia e Danimarca), e altri 4 sono oltre l’80% (Lussemburgo, Olanda, Gran Bretagna, Spagna).
In Italia siamo invece fermi da due settimane a
poco più del 60%, con un totale di 35.600 firme. Si tratta comunque di grandi numeri, e anche per questo non possiamo permetterci che l’Italia non sia tra i paesi che raggiungeranno il quorum.

Perchè è importante firmare contro l’uso del glifosato ?
“Sapevi che una sostanza chimica velenosa, potenzialmente cancerogena, potrebbe essere presente nel tuo corpo? [1, 2] Questo è possibile perché il nostro cibo viene spruzzato con questa sostanza. Infatti, gli scienziati hanno trovato tracce di glifosato, una pericolosa sostanza chimica, nelle urine di quasi una persona su due. [3]

Il glifosato è un pesticida comune impiegato su tutto, dal cibo ai giardini. L’Organizzazione mondiale della sanità lo ha etichettato come “probabilmente cancerogeno”. È anche molto pericoloso per la vita delle piante e degli animali. Per farla breve, è un pesticida piuttosto dannoso.

Nell’estate del 2016, dopo una lunga campagna condotta da centinaia di migliaia di europei, la Commissione europea non è stata in grado di rinnovare la licenza del glifosato per 10 anni, ma invece ha dovuto stabilire un breve rinnovo di 18 mesi. Questo è un enorme successo raggiunto malgrado l’intensa pressione esercitata dall’industria chimica. Ma i grandi produttori di erbicidi come Monsanto stanno ancora facendo pressione per proteggere i loro profitti. Con i loro grossi capitali hanno pagato per “studi” ed opinioni di “esperti” per mostrare che il prodotto è sicuro.

Sembra ovvio che un veleno cancerogeno non dovrebbe essere spruzzato sulle nostre fattorie, campagne e nelle nostre vicinanze. Ora abbiamo l’opportunità di far sentire la nostra voce mediante una Iniziativa dei cittadini europei: una via legale che significa che la Commissione europea è tenuta ad ascoltarci se raccogliamo un milione di firme quest’anno.

Sappiamo ciò che l’uso costante del glifosato significherebbe per noi, le persone d’Europa: persone malate, animali morti, erba bruciata, foglie marroni, e una perdita di biodiversità. L’anno scorso, siamo stati in grado di arrestare i piani di Monsanto in un modo in cui non si aspettavano. Ma non è ancora finita, e nel 2017 lotteranno duramente per estendere l’attuale approvazione a breve termine del glifosato a 15 anni. Che è il motivo per cui noi lotteremo ancora più duramente per fermarli.

Agisci ora: firma la nostra Iniziativa dei cittadini contro il veleno cancerogeno di Monsanto.”

Referencias

[1] Questa sostanza chimica si chiama glifosato ed è uno dei principi attivi più largamente utilizzati nei pesticidi di tutto il mondo. [2] L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) classifica il glifosato come “potenzialmente cancerogeno”: http://sustainablepulse.com/2015/07/30/who-publishes-full-probable-human-carcinogen-report-on-glyphosate/#.WInksFwTDL5 [3] Glifosato ritrovato nell’urina umana in tutta Europa. https://www.foeeurope.org/weed-killer-glyphosate-found-human-urine-across-Europe-130613

Sulla pagina italiana del sito della Campagna ICE è da oggi in funzione la pagina con i materiali scaricabili: https://stopglyphosate.org/it/mobilitati/, dove trovate i moduli, il vademecum e tutto ciò che occorre per chi è disponibile a raccogliere le firme cartacee.

Per i materiali online (logo, banner, foto, etc..) abbiamo invece una cartella: Scarica qui

Per informazioni riferirsi a: simonas@wemove.eu

Per firmare: https://stopglyphosate.org/it/

Chi vuole privatizzare l'acqua deve dimostrare di essere anche il padrone delle nuvole, della pioggia, dei ghiacciai, degli arcobaleni … "Erri De Luca"