Archivi categoria: Comunicato Stampa Forum Toscano

Ti invitiamo a donare il tuo 5×1000 alla causa dell’Acqua Pubblica

Non essendosi costituito in associazione no profit, il Forum Toscano dei Movimenti per L’Acqua si avvale dell’ associazione pistoiese per raccogliere i fondi che servono per portare avanti le lotte (anche nelle sedi legali), che ci permettono di contrastare l’avanzamento del privato nella gestione dell’Acqua.

modello-730-2019

Chiediamo quindi a chi volesse aiutarci, di usare il codice fiscale dell’associazione

Acqua Bene Comune Pistoia:

C.F. 90055160478

 

Nel caso invece che si volessero fare donazioni, si raccomanda di usare l’IBAN e l’intestazione riportati nell’immagine sottostante e di riportare nella causale la dicitura  ” Forum Toscano”

donazioni-5x1000-acqua-pistoia

Legge sull’acqua: in Commissione passa il testo per la ripubblicizzazione. Lo si approvi senza stravolgimenti

Acqua SferaOggi (30:01:2019)  la Commissione Ambiente della Camera ha deciso che la discussione in materia di gestione dell’acqua proseguirà solo sulla proposta di legge “Disposizioni in materia di gestione pubblica e partecipativa del ciclo integrale delle acque” accantonando definitivamente l’altro disegno di legge a prima firma On. Braga (PD).

Esprimiamo grande soddisfazione per questo passaggio che indica la direzione giusta verso la quale il Parlamento dovrebbe muoversi. Infatti, ci teniamo a ricordarlo che questa legge trae origine dalla legge di iniziativa popolare presentato nel 2007 dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua con oltre 400.000 firme e poi depositato nella scorsa legislatura con il sostegno dell’intergruppo parlamentare per l’acqua bene comune. Successivamente ulteriormente aggiornato e depositato in questa legislatura a firma di diversi parlamentari del M5S.

Ci sembra un buon segnale perché l’esclusione dell’altro testo significa….. Continua a leggere

 

Sulla questione è intervenuto anche Alex Zanotelli:

xacqua-pubblica-720x444-jpg-pagespeed-ic_-clcx39tefo

Ci giochiamo tutto…

In questi mesi ci giochiamo tutto sull’acqua. C’è bisogno di una mobilitazione forte perché il Parlamento finalmente approvi una legge sull’acqua che rispetti il Referendum del 2011Continua a leggere

 

Logo forum toscano acqua

LA MOLTIPLICAZIONE DEI PANI E DEI TEMPLATE: IL MIRACOLO DELL’ACQUA TRASFORMATA IN ORO PER ACEA… Con tutte le risorse impiegate, dovremmo avere un sistema informatico degno della NASA.

LA MOLTIPLICAZIONE DEI PANI E DEI TEMPLATE: IL MIRACOLO DELL’ACQUA TRASFORMATA IN ORO PER ACEA

Comunicato Stampa

 

[Link ad una pagina di Controradio dove Rossella, una portavoce del Forum Toscano, spiega questi fatti in 3 minuti di audio di intervista]

 

Risultati immagini per ACEA publiacquaSulle operazioni di vendita del sistema informatico di Publiacqua ad ACEA (Template di Publiacqua che comprende la gestione delle risorse umane, la gestione della relazione con i clienti, la gestione delle relazioni con i fornitori, la pianificazione delle risorse di impresa etc.) e di acquisto e di implementazione del sistema Acea 2.0 (Template di ACEA), il Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua Pubblica chiede chiarezza poichè questi costi sono tutti a carico dei cittadini e con la proroga di tre anni della concessione è previsto aumentino ancora.

Il template è stato sviluppato da Publiacqua dal 2003 al 2014 con un costo complessivo per gli utenti di 28.444.670 euro. Vogliamo quindi sapere su quali basi si sono determinati gli accordi che hanno portato:

1. alla vendita del template di Publiacqua ad ACEA;

2. alla individuazione del valore (economico e tecnologico) del sistema informatico Template per ACEA, sulla base dei costi già sostenuti da Publiacqua.

Ci risulta che nel contratto di vendita del Template ad Acea si dichiari il primario interesse di Publiacqua di “recuperare l’investimento effettuato“. Come si può parlare di recupero dell’investimento se, in sede di riattribuzione dei costi ad ACEA, sembra che questi siano stati computati solo in 8.938.660 euro, mentre il sistema è costato complessivamente a Publiacqua, e quindi agli utenti toscani, oltre 28 milioni?

Risultati immagini per ACEA 2.0A fronte di tale valutazione, risulta invece che la somma effettivamente pagata da Acea rappresenti solo il 30% dei costi computati, quindi pare che ACEA abbia pagato per il template soltanto €. 2.875.806,00. Il contratto di vendita sembra sia stato sottoscritto nel 2016, ma ci risulta che il Template sia stato messo a disposizione di ACEA sin dal 2015, poiché ACEA già nel 2014 aveva iniziato a lavorare al progetto Acea 2.0, e intendeva utilizzare come base di partenza proprio il sistema di Publiacqua.

Guarda caso questo trasferimento temporaneo, antecedente al contratto di acquisto, è stato fatto proprio quando l’allora amministratore delegato di Publiacqua (ricordate Alberto Irace?) fu promosso alla guida di ACEA. Ci chiediamo come e con quali modalità sia stato possibile tale trasferimento, e se questo periodo di circa due anni di utilizzo da parte di ACEA del Template di Publiacqua, sia stato valorizzato. Se così non fosse, sarebbe un regalo di Publiacqua ad ACEA.

Risultati immagini per alberto irace

Alberto Irace

A questo punto, sempre nel 2016, avviene il ritorno del Template! A tal proposito vogliamo avere informazioni sulla corrispondente vendita da ACEA a Publiacqua del template Acea 2.0 con un pagamento dovuto ad Acea di ben 6.337.202 di euro per l’acquisto del sistema e di euro 1.859.503 all’anno per la fornitura del relativo servizio. Inutile sottolineare che i contratti di vendita e di acquisto portano tutti la firma di Filippo Vannoni.

Con tutto ciò appaiono ancor più difficili da accettare, se andiamo a leggere quanto scritto nel Programma degli interventi PDL 2018-19 dall’Autorità Idrica Toscana, i previsti 11,2 milioni dal 2018 al 2022, con una coda nel 2023 (in particolare nel 2018/2019: €. 5,2 milioni!) come risulta dal documento nelle parti in cui si fa riferimento ad una ulteriore implementazione e al mantenimento dell’hardware del progetto Acea 2.0.

La domanda che dunque poniamo è: ma quanto costa a Publiacqua, e quindi agli utenti di Publiacqua, l’introduzione del sistema Acea 2.0. dopo questo giro di vendite e di acquisti? Oltre a quanto già speso per l’acquisto e per il servizio di fornitura (6 + 1,8 milioni di euro), e oltre a quanto poco percepito per la cessione del proprio sistema (poco più di 2 milioni), sono previsti dal 2018 al 2022 altri 11 milioni di euro.

Risultati immagini per filippo vannoni

Filippo Vannoni

Le perplessità peraltro non sono soltanto del Forum, visto che la stessa Autorità Idrica Toscana ha rilevato (nel programma degli Interventi PDL 2018-19, al sottocapitolo “Principali investimenti programmati, pag. 34), che “per un gestore che prevede oltre 80 milioni di euro all’anno di investimento, e con un Vincolo Ricavo Garantito di oltre 250 milioni annui, tali costi sono effettivamente molto elevati”; e che ad oggi “tale modello gestionale, per il quale Publiacqua richiede le maggiori risorse indicate rispetto a quanto previsto nel 2016 (+11,2 milioni di €.), ha sollevato molte perplessità in termini di benefici rispetto ai risultati attesi“.

Malgrado le sopracitate e fondate perplessità, l’AIT ha comunque approvato la richiesta di maggiori risorse. Perché? Ci pare assai improbabile che il direttore dell’AIT non sia stato messo a conoscenza nel dettaglio delle operazioni di vendita del Template di Publiacqua ad ACEA e dell’acquisto del sistema Acea 2.0.

Siamo di fronte ad una moltiplicazione di pani e template effettuata con i soldi tolti dalle tasche dei cittadini. Con tutte queste risorse, dovremmo avere il sistema informatico più efficiente del mondo, degno della NASA. Provate invece a chiedere agli utenti: errori di fatturazione, controlli inadeguati, pessima comunicazione. Non lo diciamo noi, ma ARERA (Autorità Nazionale). Caro e inutile Template!

Chiediamo pertanto che sia resa pubblica tutta la documentazione finora negata, contratti con relativi allegati e verbali dei consigli di amministrazione inerenti le operazioni di acquisto e vendita dei template. Riteniamo che i responsabili di quanto avvenuto, oltre a coloro che ne erano a conoscenza, non siano degni di ricoprire alcun ruolo nel Consiglio di Amministrazione di Publiacqua. E valuteremo inoltre la possibilità di presentare in merito un esposto alla Procura.

Lunedì 21 gennaio 2019

Logo forum toscano acqua

Inaccettabile proporre alla presidenza di Publiacqua chiunque in questi anni abbia sostenuto o addirittura condiviso la politica di privatizzazione e finanziarizzazione della gestione idrica.

Presidenza di Publiacqua al di fuori delle parti!

Comunicato Stampa

Il prossimo 21 gennaio è prevista l’elezione del nuovo Presidente di Publiacqua. A otto mesi dalla scadenza, pare si sia giunti in dirittura d’arrivo ma i nomi dei papabili continuano ad essere diversi, ognuno di loro sostenuto dai propri sponsor: in sfida, l’Assessore fiorentino Perra, l’ex deputato Becattini, il redivivo Erasmo D’Angelis e il vice-presidente di Consiag Barni. Forse altri.

Dai referendum del 2011, una scelta politica di cambiamento radicale nella gestione del servizio idrico deve ancora trovare una reale e concreta attuazione: la ripubblicizzazione. Del resto, sono stati gli stessi Sindaci del territorio gestito da Publiacqua, dopo sette anni dal pronunciamento popolare, a dirsi favorevoli alla liquidazione del socio privato,  per la riacquisizione di tutte le quote della spa. Paladino della ripubblicizzazione proprio l’Assessore Perra (clicca e leggi per approfondire), salvo poi in pratica rinnegare, ritardando se non azzerando il processo con la proroga concessa alla spa dell’acqua. (clicca e approfondisci il dietro front)

Riteniamo inaccettabile proporre alla presidenza di Publiacqua chiunque in questi anni abbia sostenuto o addirittura condiviso la politica di privatizzazione e finanziarizzazione della gestione idrica. Rammentiamo che le prime aziende miste pubblico-private sono partite proprio nella nostra regione.
Inoltre, come più volte ci siamo trovati a sottolineare, la mancanza di controllo da parte dei Sindaci ha fatto sì che la gestione dell’azienda sia stata a dir poco fallimentare, in relazione a perdite delle reti (clicca per ricordarne una grave), depurazione, qualità dell’acqua, rapporti con l’utenza, per giunta gravata dalle tariffe più alte d’Italia…

Guardando quindi alla sostanza delle cose nonché al peso che una maurizio-montaltovalida guida di Publiacqua potrebbe avere sugli indirizzi politico-gestionali, avanziamo la proposta di nominare alla Presidenza, una persona di sicuro valore e di comprovata esperienza: l’ex Presidente di ABC Napoli, Maurizio Montalto.
Riteniamo che proprio colui che ha avuto un ruolo di protagonista nella ripubblicizzazione dell’acqua partenopea, all’indomani del giugno 2011, possa offrire le più alte garanzie sia nell’ambito della competenza che del rispetto dei principi di democrazia, giustizia, solidarietà coniugati ad una reale ripubblicizzazione del bene comune per eccellenza. Una persona al di sopra delle parti, che non abbia da soddisfare l’interesse di questa o di quella fazione politica o economico-finanziaria che sia. Una persona con un bagaglio di riferimenti e conoscenze specifiche, che vanno al di là dei confini nazionali.
Nessuno dei contendenti prima nominati ci pare possa unire altrettanto sapere e trasparenza. A cominciare dall’Assessore Perra, il più quotato nella lista, che finora si è distinto piuttosto per aver chiesto e ottenuto una maggiore distribuzione di utili di Publiacqua, non certo per puntare al miglioramento dei servizi. Senza contare che attualmente si troverebbe in evidente conflitto di interessi, vista la carica che ricopre nel Comune fiorentino.

Vale la pena ricordare poi le pesanti responsabilità che gravano sul Comune di Firenze, come su tutti i Sindaci che hanno dato il via libera all’allungamento della convenzione con Publiacqua. Anche alla luce del PDL Daga sulla ripubblicizzazione dell’acqua, attualmente in discussione in Commissione Parlamentare, se nel 2020 dovessero scadere tutti i contratti di affidamento della gestione idrica, chi pagherà l’indennizzo previsto dall’art.10 comma 5, da riconoscere al socio privato Acea Spa Roma fino al 2024? Viene da rispondere: lo paghino i Sindaci che hanno votato la proroga!

 

Logo forum toscano acqua

I Sindaci Approvano La Proroga a Publiacqua (alcuni anche mentre sostengono di essere a favore della ripubblicizzazione) – Comunicato Stampa del Forum Toscano –

I Sindaci approvano la proroga a Publiacqua
Un altro sì al regime privatistico.

Un altro duro colpo alla democrazia

(le elezioni in alcuni comuni sono vicine, siamo curiosi di vedere come saranno premiati dai cittadini)

 


Nella Conferenza Territoriale 3 del 4/12 i Sindaci hanno approvato la proroga della Concessione a Publiacqua. Sono giunti a deliberare dopo mesi di trattative, capitanate da Firenze, Prato e Pistoia, che si sono svolte in ambiti ufficiosi, hanno escluso alcuni dei Primi Cittadini, e in troppi Comuni hanno sottratto ai Consigli Comunali una decisione di loro competenza.

logo-ait
I due scenari presentati dal Direttore Mazzei, scenario A con proroga al 2024 e scenario B con scadenza naturale al 2021, erano in realtà stati confezionati dall’AIT in modo che solo il primo apparisse positivo e vantaggioso per le Amministrazioni (investimenti più ingenti) e per gli utenti (tariffe bloccate per 6 anni). Sono stati imposti alla votazione come uniche possibilità di piani gestionali, quando alcuni Sindaci avevano prospettato alternative valide e credibili: dalla effettiva realizzazione di investimenti già programmati e in buona parte disattesi da Publiacqua, alla rinuncia agli utili aziendali. Le due proposte inoltre non sono state votate separatamente, ma una in opposizione all’altra, costringendo i Sindaci contrari ad entrambe ad abbandonare il consesso (Carmignano, Cantagallo. Montemurlo) o ad essere considerati tra gli astenuti (Montevarchi, Cavriglia, Loro Ciuffenna, Vaglia) come se non avessero una loro posizione, oppure a votare forzatamente l’opzione B (Terranova B. e Castelfranco-Piandiscò) per non comparire appunto come astenuti. Insomma, vietato dissentire!
Tra coloro invece che hanno disertato la Conferenza spiccano alcuni emoticon-dubbioComuni del pistoiese (Montale, Quarrata, Sambuca) evidentemente poco interessati alla questione. Ma su tutte emerge l’inspiegabile assenza di Sesto Fiorentino, il cui Sindaco si era speso per perorare la causa del NO alla proroga: che sia stato richiamato a precedenti patti di segno opposto?
Una volta di più abbiamo trovato i nostri Amministratori incapaci di dare una vera svolta alla gestione di un bene come l’acqua, arroccati in un ambito di interessi puramente economico-finanziari, e ad essi totalmente subalterni, agli antipodi quindi dei principi di democrazia e giustizia, di solidarietà e partecipazione, espressi con i referendum del 2011. Sindaci che continuano a disattendere la volontà popolare, rimandandola ad un ipotetico futuro. Perché il paradosso è che molti di loro, a cominciare proprio dai 3 capoluoghi sopracitati, si dichiarano a favore della ripubblicizzazione, ma intanto se ne riparlerà alla fine del 2024. Forse! E visto che molti di loro, a fine mandato, hanno voluto fare un tale regalo ai cittadini, crediamo che vi siano diversi buoni motivi di riflessione in vista delle prossime elezioni amministrative.
Logo forum toscano acqua

Una Firma! Un piccolo sforzo per una grande lotta, la ripubblicizzazione dell’Acqua! – E Poi approfondisci con il Comunicato Stampa del Forum Dei Movimenti per L’Acqua

bastogi-4-novembre

———————————————

Da molti anni chiediamo che il servizio idrico venga ripubblicizzato, facciamolo una volta di più!
Facciamolo firmando questa petizione:

Clicca e Firma

———————————————————————–

Non lasciamo che a Publiacqua che pratica tariffe tra le più alte di Italia  (non lo diciamo noi, clicca e leggi)

e che offre un servizio scadente (e anche questo non lo diciamo noi ma lo dice addirittura il Direttore dell’AIT  vedi tabella)

qualita-gestori-2017

Scarica Presentazione della Relazione del Direttore AIT 2017

Non lasciamo che a Publiacqua venga prorogato il contratto di gestione aumentando così i costi per la ripubblicizzazione a fine mandato.

Non dimentichiamo che

PER GENERARE DIVIDENDI MILIONARI  SONO BRAVISSIMI !!!

Clicca e leggi sui dividendi azionari di Publiacqua S.p.A.

Ci sono altri aspetti di questa questione che vengono affrontati nel comunicato stampa rilasciato dal Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua in data 28-11-2018

Conferenza Territoriale 3:
i Sindaci pronti a salvare il regime privatistico di Publiacqua
La Conferenza territoriale 3, competente per il territorio gestito da Publiacqua, si è riunita venerdì 23/11, per deliberare la proroga di tre anni all’azienda idrica. Con un colpo di mano da professionisti, la comunicazione dell’inserimento del tema scottante nell’ odg è arrivata alla maggior parte dei Sindaci solo il giorno prima.
La votazione è stata comunque rimandata a martedì 4 dicembre perché i Sindaci del Valdarno hanno dichiarato di non poter decidere prima di aver sottoposto la questione al parere dei rispettivi Consigli Comunali. Da rilevare però che nessuno di loro si è espresso contro il piano preconfezionato, al cui centro sta l’allungamento della gestione di Publiacqua.
Gli unici Sindaci ad essersi esposti e ad aver sostenuto con forza un deciso “NO” alla proroga sono stati i Primi Cittadini di … clicca per continuare

Clicca e leggi il Comunicato Stampa del Forum

———————————————————————————-

———————

Logo forum toscano acqua



Forum Toscano Acqua Pubblica

A.I.T. APPROVA LA PROROGA A NUOVE ACQUE E SI CONFERMA ENTE INUTILE

 

COMUNICATO STAMPA

Ennesima riunione-farsa il 21 gennaio scorso all’A.I.T.: all’Odg, la proroga a Nuove Acque, gestore idrico dell’aretino e di alcuni comuni senesi. Risultati immagini per PROROGA NUOVE ACQUEIl prolungamento della Concessione era stato approvato 10 giorni prima, in sede di Conferenza Territoriale da una maggioranza risicata di Sindaci, rappresentanti di appena un terzo della popolazione dell’Ambito 4. Un risultato voluto a dispetto di ignoranze, dubbi e opposizioni.

Il percorso già aveva escluso il passaggio nei Consigli Comunali: scelta deplorevole e antidemocratica, sicuramente dal punto di vista politico, di una politica che abbia a cuore il rispetto e la condivisione, la giustizia e la solidarietà. Ma questi “folli” principi sembrano non più appartenere all’orizzonte di riferimento di tanti Primi Cittadini del nostro bel Paese. E purtroppo, ne pare lontana anche tutta l’architettura istituzionale e amministrativa.

Si arriva dunque all’Assemblea dell’AIT, dove

– sulla scorta di considerazioni risibili, è stata bocciata la scelta di procrastinare ogni decisione per andare a chiarire e approfondire una questione che già aveva sollevatotante perplessità e contestazioni tra gli stessi Sindaci della Conferenza dell’Alto Valdarno. Guai, mirare a un consenso unanime, meglio sfidarsi e imporsi a colpi di maggioranza, sia pure ridottissima!

– senza entrare troppo nel merito della proposta di Nuove Acque, si è comunque data ancora fiducia a un gestore (leggi SUEZ-ACEA) che in quasi 20 anni ha fatto lievitare le tariffe oltre misura, ha realizzato modesti investimenti rispetto agli elevati introiti conseguiti, però si è intascato 22 milioni tra utili e consulenze.

– sono stati ignorati i pareri contrari alla proroga, giunti da diverse parti del territorio interessato: tutte le categorie economiche (da CNA, Confesercenti, Confagricoltura, a Confcommercio e Confindustria); le diverse associazioni, come ARCI e ACLI; i partiti politici, compreso il PD che ad Arezzo e Sansepolcro ha pubblicamente dichiarato parere contrario.

– si è calpestata ancora una volta la volontà popolare, espressa con i referendum del 2011, quindi i cittadini e i Comitati dell’Acqua, da loro costituiti: prolungare una concessione significa infatti dare ulteriore fiato alla gestione privatistica dell’acqua, assicurata oggi da ogni azienda idrica toscana, compresa Nuove Acque. Questo avrebbero dovuto avere ben presente tutti i Sindaci dell’AIT, nessuno escluso e per nessuna ragione.

Risultati immagini per comitato acqua arezzo– alcuni Sindaci favorevoli alla proroga hanno motivato la propria scelta con la necessità di rispondere ai bisogni dei cittadini. Va infatti detto che alla Valdichiana (più alla senese che all’aretina) Nuove Acque ha promesso di destinare la maggior parte degli investimenti previsti con il nuovo piano: tecnica abusata da tutti i gestori idrici, quando si leva una protesta più forte da un qualsiasi Primo Cittadino, tanto più se appartenente al partito di maggioranza… Possibile che sia il consenso di una zona, di una parte circoscritta a fare l’ago della bilancia? O meglio, possibile che manchi sempre una visione ampia, democratica, solidale della gestione dell’acqua?

– si è confermata la perfetta inutilità dell’AIT. Il livello di astensione nelle due votazioni che hanno riguardato la proroga a Nuove Acque ha palesato come diversi Sindaci abbiano preferito non schierarsi di fronte a decisioni prese dai loro colleghi in Conferenza Territoriale. A che serve allora un’Autorità Idrica Regionale che in realtà non decide alcunché e, peggio, conduce solo verso la mera ratifica di quanto proposto dai gestori?

Risultati immagini per comitato acqua arezzoCi sarebbe comunque piaciuto vedere almeno tutti i Sindaci che compongono l’Autorità Regionale, già una piccola minoranza rispetto ai quasi 280 di tutta la Toscana:troppi assenti ingiustificati. Disertando l’assemblea o andandosene prima della votazione, Comuni a 5 Stelle come Livorno e Carrara oppure Comuni guidati da liste civiche con una certa sensibilità per i temi dell’acqua, come Riparbella, hanno fatto mancare qualsiasi contributo per una scelta più giusta e meditata.

Come altre volte abbiamo avuto l’occasione di rimarcare, inutile pretendere buone cose da un gestore votato alla speculazione e al raggiungimento del massimo profitto con la gestione dell’acqua. Ma dai nostri Sindaci, dalla “politica”, sì, che le pretendiamo! E allora va anche detto, viste le dichiarazioni del Primo Cittadino di Arezzo, contrario alla proroga: faccia pure ricorso, cerchi di ribaltare l’esito, si coordini con altri Comuni anch’essi contrari e avvii finalmente quel “tavolo tecnico” per la ripubblicizzazione del servizio, da tempo promesso ma non ancora istituito.

L’idea di inserire ESTRA nella compagine sociale privata di Nuove Acque a fianco di SUEZ e ACEA non dà alcuna garanzia che poi si realizzi ciò che vogliono i cittadini: una reale svolta in senso democratico e partecipativo nella gestione del servizio idrico.

Risultati immagini per forum toscano movimenti acqua

29/01/2018

Proroga Nuove Acque – Appello ai Sindaci

Logo forum toscano acqua1COMUNICATO STAMPA

Egregi Sindaci,
nell’assemblea AIT di lunedì 22 gennaio 2018 sarete chiamati a ratificare la decisione presa, da una esigua maggioranza, in sede di Conferenza Territoriale 4 Alto Valdarno: prorogare la Concessione al gestore Nuove Acque Spa di tre anni e mezzo, oltre la scadenza originaria del 30 giugno 2024.
Ci preme innanzitutto sottolineare che l’affidamento del servizio a Nuove Acque, nel 1999, venne sottoscritto dai Sindaci dei Comuni facenti parte del Consorzio 4 Alto Valdarno previa approvazione di tutti i Consigli Comunali. Come è possibile, ora, che siano stati chiamati a decidere sulla proroga di quella concessione solo i Primi Cittadini?il-mio-voto-va-rispettato

Ed è accettabile che i Sindaci favorevoli alla proroga rappresentino solo un terzo della popolazione che abita e opera nel territorio gestito da Nuove Acque? Vi invitiamo pertanto a riflettere seriamente sulla legittimità o meno di tale procedura.
Vogliamo inoltre ricordare ai Sindaci che la proroga in questione prevede il ricorso ad un prestito di 130 milioni di euro, da utilizzare in parte per coprire il project financing di 40 milioni ancora da rimborsare e in parte per nuovi nvestimenti. Ma Nuove Acque non era il fiore all’occhiello in fatto di investimenti?
Tanto che nel luglio 2016 venne presentato dal Direttore AIT un piano che prevedeva tra il 2016 e il 2024 investimenti per 63 milioni di euro, con un graduale decremento delle tariffe, addirittura del 35%. Oggi il miraggio delle tariffe basse e di tanti investimenti, un vero paese dei balocchi, si è dissolto, e la realtà mostra tutte le inadempienze riguardo alla depurazione, come una situazione pessima delle reti idriche.
Sfugge cosa il gestore abbia fatto in quasi 20 anni di Concessione… Eppure candidamente si afferma che per evitare la lievitazione delle tariffe occorre prorogare il servizio e ricorrere ad un nuovo mutuo.
Nessuno pensa di richiamare i responsabili per gli errori di valutazione? Nessuno chiede le dimissioni di un Direttore e di uno staff tecnico che hanno completamente sbagliato le previsioni?
Altra questione da sollevare e considerare con attenzione: è ammissibile la proroga di un contratto di appalto evitando di fatto la messa a bando di una nuova convenzione? Pare di sì, ma solo se limitata “al tempo strettamente necessario per l’aggiudicazione della nuova gara”. In questo caso, scadendo la concessione di Nuove Acque nel 2024 (tra 6 anni!), non c’è alcuna urgenza di prolungare ora l’affidamento, quando i tempi tecnici per indire una nuova gara sono assai ampi.

soldi_acqua
Rimarchiamo infine come la maggior parte dei vostri colleghi dell’Alto Valdarno abbia inteso calpestare, ancora una volta, la volontà dei propri concittadini chiaramente espressa con il voto nei Referendum del 2011, con i quali si chiedeva di mutare la gestione dell’acqua, sottraendola ai privati e quindi alle logiche del mercato e del profitto.
Come Forum Toscano ribadiamo quindi la necessità di un’alternativa al modello misto pubblico-privato, frutto di una commistione di interessi tra politica, grandi multiutilities e mondo della finanza. Niente di più lontano dai bisogni e dalle esigenze di popolazione e ambiente.
Vi chiediamo di non avallare la concessione di questa proroga che è priva di senso di opportunità e convenienza per i cittadini , oltre che di dubbia legittimità perchè non condivisa dalla stragrande maggioranza dei rappresentanti dei cittadini dei territori interessati.

Forum Toscano dei MovimentiLogo forum toscano acqua

 

Ma a:montepulciano-745x1024

Bibbiena, Bucine, Capolona, Castel Focognano, Castel S. Niccolò, Castelfiorentino, Chitignano, Chiusi, Civitella, Cortona, Foiano, Laterina-Pergine, Lucignano, Manciano della Chiana, Montepulciano, Monte S. Savino, Montemignaio, Pratovecchio-Stia, Poppi, Sestino, Sinalunga, Talla, Torrita.

Ci viene il dubbio…  (clicca  per visualizzare le vignette del comitato di Arezzo)

MA I CITTADINI LO SANNO ???  

 

Proroga concessione a Nuove Acque Spa – Comunicato Stampa

Proroga concessione a Nuove Acque Spa

Logo forum toscano acquaComunicato Stampa

DEMOCRAZIA CALPESTATA!

Risultati immagini per acqua privati profittiGiovedì 11 gennaio scorso, presso la sede A.I.T. di Arezzo, si è svolta la riunione della Conferenza Territoriale 4 Alto Valdarno che ha approvato la proroga della concessione a Nuove Acque Spa, dal 2024 al 2027. Questa la nefasta conclusione. Ma quello che tutti i cittadini devono sapere è come la democrazia sia spesso e ripetutamente calpestata nelle occasioni in cui le Istituzioni Pubbliche si riuniscono per prendere decisioni cruciali su ciò che dovrebbe essere considerato un bene comune di vitale importanza, come l’acqua.

Un consesso di Sindaci, dunque, e l’Autorità Idrica Toscana, rappresentata in primis dal Direttore Mazzei chiamano le forze dell’ordine a propria “protezione”, in via preventiva. Così carabinieri, agenti di polizia e della DIGOS, in grande schieramento, sono incaricati di tener lontani dalla sala di Via Gobetti pacifici cittadini e membri dei Comitati dell’Acqua, raccolti in presidio per manifestare il loro dissenso riguardo alla decisione di prorogare la concessione al gestore idrico.

Risultati immagini per nuove acque spa proroga concessioneSarà poi ammessa una delegazione di 3 persone, e solo per assistere ad un incontro dove nessun cittadino può aprire bocca. Pare dunque semplicemente vergognoso che dei Sindaci o dei rappresentanti di Istituzioni, temano di esprimere pubblicamente la propria intenzione su questioni di interesse comune. Ma evidentemente comportamenti che erano la regola nel famoso ventennio del secolo scorso, oggi sono tranquillamente riciclati dal nostro regime di democrazia avanzata.Striscione Vergogna

E prima ancora di entrare nel merito di quanto discusso e approvato in quella sede, vale la pena rimarcare quale sia l’iter seguito fino all’atto finale: la votazione dei Sindaci. Immancabilmente l’Autorità Idrica Toscana, tramite il Direttore, illustra e promuove il piano elaborato dall’azienda idrica. I Primi cittadini, a questo punto non devono far altro che dire sì o noRaramente si assiste al processo inverso: un’istanza, un’indicazione, un progetto che arrivi dal territorio, da chi dovrebbe farsi voce di esigenze e di bisogni collettivi.

Così anche quello che poteva essere il male minore, un rinvio della decisione, viene rifiutato da una maggioranza risicata di Sindaci. E si arriva poi con una seconda votazione a concedere la proroga a Nuove Acque. Tra l’altro non si è minimamente considerato che l’atto avrebbe dovuto essere ratificato dai singoli Consigli Comunali.

Risultati immagini per presidio arezzo proroga nuove acque spaIn ogni caso, la decisione presa in Conferenza Territoriale 4 dimostra ancora una volta come si possa calpestare la volontà espressa dai cittadini con i referendum del 2011, con cui si chiedeva di mutare la gestione dell’acqua, sottraendola ai privati e alle logiche del mercato e del profitto. Per fare gli investimenti che in quasi 20 anni non ha fatto, Nuove Acque intende ricorrere a un prestito di 130 milioni di euro, di cui una buona parte servirà a coprire il debito per il finanziamento precedente.

Tutto questo a 6 anni dalla naturale scadenza della Concessione, che a questo punto diventeranno 9, in modo che gli interessi spalmati su un periodo più lungo intacchino in misura minore l’utile societario. Perché, va ricordato, l’azienda idrica, nonostante il deficit finanziario, si è intascata tra profitti e consulenze almeno 22 milioni di euro. Ma non esistono preoccupazioni di sorta, ci sono sempre i cittadini da spremere, per un servizio sempre più inefficiente e sempre più caro!

Risultati immagini per nuove acque spaVogliamo elencare tutti quei 19 Comuni che alla fine hanno votato a favore della proroga (oltre ai 4 che si sono astenuti), rispondendo di fatto solo alle rigide indicazioni di partito, da tempo divenuto servitore di potentati economico-finanziari: Bibbiena, Bucine, Capolona, Castel Focognano, Castel S. Niccolò, Castelfiorentino, Chitignano, Chiusi, Civitella, Cortona, Foiano, Laterina-Pergine, Lucignano, Manciano della Chiana, Montepulciano, Monte S. Savino, Montemignaio, Pratovecchio-Stia, Poppi, Sestino, Sinalunga, Talla, Torrita.

Solo 6 Comuni hanno mostrato fino in fondo di avere rispetto nei confronti di quella che dovrebbe essere una gestione democratica ed equa del servizio idrico, votando contro la proroga al 2027: Arezzo, Anghiari, Monterchi, Ortignano Raggiolo, San Sepolcro, Subbiano.

Ci rivolgiamo perciò a tutti i Sindaci della Toscana, ma in particolare a quelli del territorio di Publiacqua, la cui Concessione scade nel 2021, per richiamarli alla loro responsabilità riguardo all’acqua: prendetevi finalmente in mano il ruolo primario che vi spetta nella gestione di quello che è il bene comune per eccellenza, rispettate gli esiti referendari del 2011 maturati con il voto di 27 milioni di italiani/e!

Solo così avrete davvero vicini e solidali i/le cittadini/e.

Risultati immagini per forum toscano movimenti acqua

 

Paghino l’A.I.T. e i gestori!

Logo forum toscano acqua

COMUNICATO STAMPA

Depurazione idrica

PER GLI ERRORI COMMESSI PAGHINO L’A.I.T. E I GESTORI

La sentenza della Corte Costituzionale n° 335/2008 decretò l’illegittimità del carico in tariffa della quota per la depurazione, nei casi di inattività o di completa assenza degli impianti specifici, con conseguente obbligo dei gestori di rimborsare quanto addebitato e non dovuto.

Risultati immagini per rimborso depurazioneMa per arginare una restituzione di massa, nel 2009 intervenne la legge 13 che nell’art. 8 sexies autorizzava l’addebito anche alle utenze non collegate ai depuratori, a decorrere dall’avvio delle procedure di affidamento delle opere di progettazione o di completamento di quelle necessarie alla attivazione del servizio. Pur facendo obbligo al gestore di osservare i tempi di realizzazione previsti dai Piani d’Ambito, oltre che di informare periodicamente gli utenti sullo stato dei lavori, dandone indicazione all’interno della bolletta.

Comunque sia, Il decreto attuativo varato nel settembre 2009… Continua la lettura di Paghino l’A.I.T. e i gestori!

DIRETTIVO A.I.T., FUORI IL COMUNE DI SAN SEPOLCRO

Comunicato Stampa

SOLO CHI SI ALLINEA CON LA MAGGIORANZA È DEGNO DI RICOPRIRE CERTI RUOLI?

Solidarietà del Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua al Comune di Sansepolcro, e all’Assessore Gabriele Marconcini, in particolare, esautorato dal Direttivo dell’Autorità Idrica Toscana.

Giovedì 5 ottobre, in occasione dell’elezione del nuovo Presidente dell’AIT, assolutamente scontata nei risultati, si è proceduto anche ad un “rinnovo” del Direttivo: ciò ha portato all’estromissione del Comune di San Sepolcro, divenuto troppo scomodo per la maggioranza PD.

Risultati immagini per gabriele marconcini san sepolcro
Gabriele Marconcini, Assessore Comune di San Sepolcro.

In effetti, nell’ultimo periodo il partito di maggioranza della nostra regione si trova in serie difficoltà: ha perso, nell’ambito del suddetto organo collegiale, i Sindaci di Livorno, Arezzo e San Sepolcro, prima, e più recentemente i Primi Cittadini di Grosseto, Pistoia e Carrara. Continua la lettura di DIRETTIVO A.I.T., FUORI IL COMUNE DI SAN SEPOLCRO

Bruno Valentini eletto nuovo Presidente A.I.T

Giovedì 5 ottobre si è svolta a Firenze l’Assemblea dell’Autorità Idrica Toscana, che ha eletto il nuovo Presidente dell’Autorità Idrica Toscana, ad un anno e mezzo di distanza dalla decadenza del precedente (il Sindaco di Grosseto Bonifazi); come ampiamente previsto, il nuovo Presidente A.I.T. è il Sindaco di Siena Bruno Valentini. Ecco il comunicato del Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua.

ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELL’AIT

MA CHI INDIRIZZA, CHI DECIDE, CHI CONTROLLA LA GESTIONE DELL’ACQUA IN TOSCANA?

Giovedì, 5 ottobre, si è consumato il rito dell’elezione del Presidente dell’ AIT, che richiama, visto il peso dei numeri, la presenza anche di Sindaci in genere riottosi ad intervenire nelle faccende dell’Autorità Idrica regionale. Più corretto sarebbe dire: si è svolto il teatrino, in quanto i giochi erano già fatti in precedenza. Continua la lettura di Bruno Valentini eletto nuovo Presidente A.I.T